Pratica Professionale

Pratica Professionale (12)

Martedì, 14 Aprile 2009 22:20

La Pratica Professionale

Scritto da

immagine

Coloro i quali, conseguito il diploma di maturità di Agrotecnico presso gli Istituti Professionali di Stato per l'Agricoltura e l'Ambiente, intendano svolgere un periodo biennale di pratica professionale presso lo studio di un professionista (al fine di poter poi conseguire l'Abilitazione all'esercizio professionale e quindi iscriversi nell'Albo professionale degli Agrotecnici) devono inoltrare una domanda di "ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI"  al Collegio nella cui circoscrizione risiedono.
Le modalità di svolgimento del praticantato, di iscrizione nel Registro dei Praticanti e tenuta di esso da parte dei Collegi locali sono disciplinate con direttive emanate dal Consiglio del Collegio Nazionale Agrotecnici.

Martedì, 14 Aprile 2009 22:20

Domanda di Iscrizione nel Registro dei Praticanti

Scritto da
Coloro i quali, conseguito il diploma di maturità di Agrotecnico presso gli Istituti Professionali di Stato per l'Agricoltura e l'Ambiente, intendano svolgere un periodo biennale di pratica professionale presso lo studio di un professionista (al fine di poter poi conseguire l'Abilitazione all'esercizio professionale e quindi iscriversi nell'Albo professionale degli Agrotecnici) devono inoltrare una domanda di "ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI"  al Collegio nella cui circoscrizione risiedono.
Le modalità di svolgimento del praticantato, di iscrizione nel Registro dei Praticanti e tenuta di esso da parte dei Collegi locali sono disciplinate con direttive emanate dal Consiglio del Collegio Nazionale Agrotecnici.
Martedì, 14 Aprile 2009 22:20

Regolamento Pratica Professionale

Scritto da
Dati in corso di inserimento
Martedì, 14 Aprile 2009 22:20

Esami di Abilitazione

Scritto da
L'abilitazione all'esercizio della professione di Agrotecnico è subordinata al superamento di un apposito Esame di Stato.
Gli esami hanno luogo ogni anno in unica sessione indetta (entro il 30 giugno) con ordinanza del Ministro della pubblica istruzione. Gli esami si svolgono in sede regionale o interregionale.
La domanda deve essere inoltrata all’Istituto di competenza per il tramite del Collegio Nazionale degli Agrotecnici e Agrotecnici Laureati.
Le commissioni esaminatrici sono nominate con decreto del Ministro della pubblica istruzione e sono composte dal presidente e da quattro membri.
Gli esami consistono in due prove scritte o scritto-grafiche ed in una prova orale.
Martedì, 14 Aprile 2009 22:20

Calendario Esami

Scritto da

Gli  esami hanno inizio in tutte le sedi nello stesso giorno e si svolgono secondo il calendario di seguito indicato:

15 novembre 2012, ore 8,30: svolgimento della prima prova scritta;

16  novembre  2012,  ore  8,30:  svolgimento  della  seconda prova scritta o scritto-grafica.

L'elenco  e  le votazioni dei candidati ammessi a sostenere le prove  orali  ed  il  calendario  relativo  alle prove stesse vengono notificati,  entro  il  giorno successivo al termine della correzione degli  elaborati,  mediante  affissione  all'albo  dell'istituto sede degli esami (art. 11, comma 5, regolamento).

Martedì, 14 Aprile 2009 22:20

Prove d'esame - Materiali

Scritto da

ELENCO PROVE DI ESAME


SESSIONE D’ESAME 2008

I° PROVA SCRITTA
Con riferimento ad un prodotto agroalimentare a scelta, il candidato illustri la tecnica di conservazione e condizionamento al fine di evitarne difetti e alterazioni.

II° PROVA SCRITTA
Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.


SESSIONE D’ESAME 2007

I° PROVA SCRITTA
Il candidato tratti il controllo dell'evapotraspirazione nella tecnica colturale delle specie arboree da frutto, per una produzione quali-quantitativa ottimale ed eco-compatibile.

II° PROVA SCRITTA
Il candidato, dopo aver ipotizzato il bilancio di una azienda orticola ad alto reddito, condotta in economia diretta, valuti la convenienza all'introduzione di una nuova macchina operatrice nel ciclo di produzione. Esempio di svolgimento della prova.


SESSIONE D’ESAME 2006

I° PROVA SCRITTA
Una azienda agro-zootecnica dispone di ottanta bovini da latte razza Bruna italiana con una produzione media di 44 q.li per capo per lattazioni da 305 giorni.

Il candidato dovendo provvedere alla fecondazione con animali in grado di migliorare la produzione, dopo aver illustrato i criteri adottati per la selezione dei tori, descriva le caratteristiche da riscontrare per la scelta dei riproduttori dei quali utilizzare il seme. Esempio di svolgimento della prova.

II° PROVA SCRITTA
Una azienda agricola di circa 10 ha, pianeggiante, provvista di fabbricati e di un adeguato parco macchine, è condotta con due salariati fissi coadiuvati da mano d’opera avventizia nei momenti critici. L’azienda è provvista di irrigazione ed attua un ordinamento basato su colture industriali primaverili estive e su erbai vernini.

Il candidato rediga un bilancio preventivo relativo ad una gestione attivata da un imprenditore-direttore, soffermandosi in particolare sui criteri con i quali vengono determinate le imposte. Esempio di svolgimento della prova.


SESSIONE D’ESAME 2005

I° PROVA SCRITTA
Una azienda, sita in pianura ed estesa per 60 ha, deve produrre circa il 75% del foraggio e dei mangimi necessari all’allevamento di bovini da latte.

Il candidato illustri un ordinamento produttivo capace di fornire le richieste alimentari nella percentuale indicata. Calcoli poi il carico di bestiame allevabile descrivendo la razza prescelta ed ipotizzi un tipo medio di razione per animali in produzione, tenendo presente anche l’apporto dei mangimi da acquistare per integrare le produzioni aziendali.

II° PROVA SCRITTA
Il candidato rediga il bilancio consuntivo di una azienda estesa per 20 ha che realizza una rotazione coltura industriale, mais da granella, grano.

La gestione è attivata da un imprenditore che ne redige l’esercizio e che ricorre, per i lavori colturali, a contoterzisti e, per le altre operazioni, ad operai avventizi.

Il candidato, integrando la descrizione aziendale con dati tecnici economici significativi, esponga analiticamente la situazione delle entrate e delle uscite e provveda ad elaborare il richiesto bilancio.


SESSIONE D’ESAME 2004

I° PROVA SCRITTA
Un impianto frutticolo di una azienda specializzata comprende ha 1,50 che devono essere irrigati durante l’intero periodo primaverile estivo.

Il candidato descriva una situazione ambientale ed agronomica correlata alle caratteristiche indicate ed illustri le modalità di irrigazione che ritiene di proporre, sapendo che l’azienda dispone di un pozzo adeguato.

Definisca poi i criteri per determinare i corsi d’acqua da erogare per ciascuno intervento e gli intervalli fra di essi.

II° PROVA SCRITTA
Il proprietario di una azienda estesa per 95 ha con ordinamento foraggero intensivo (mais, erbai, trifoglio ed erba medica), sita in zona pedecollinare, dispone di un trattore gommato di 40CV e vorrebbe acquistare un mezzo cingolato di maggiore potenza per il quale prevede l’impiego di circa 550 ore annue.

Il candidato, ipotizzando tutte le voci di spesa, computi il costo annuo del trattore ed elabori, poi, un giudizio di convenienza rispetto al noleggio, cui il proprietario è ricorso fino al quel momento, sapendo che il prezzo orario si è aggirato sui 45 euro.


SESSIONE D’ESAME 2003

I° PROVA SCRITTA
Il proprietario di un’azienda agricola posta in zona pedecollinare, con clima temperato asciutto e con possibilità irrigue, estesa per ha 96, intende realizzare un’attività zootecnica. Richiede pertanto una relazione che illustri scelte di specie, di razza, di tipo di allevamento, di livello produttivo, integrata da esposizione dei criteri di convenienza.
Il candidato completi, con dati possibili, un quadro aziendale ed illustri analiticamente quanto richiesto, tenendo conto anche di rapporti azienda-mercato. Esempio di svolgimento della prova.

II° PROVA SCRITTA
Di un’azienda frutticola estesa per 8 ha in zona pianeggiante, condotta da un proprietario imprenditore, si vuole conoscere il costo medio dei prodotti annui.
Oltre ai fabbricati, l’azienda dispone di due trattori, l’uno cingolato e l’altro gommato, di un aratro bivomere, di due motocoltivatori, di due erpici, di tre carri agricoli, di due macchine per i trattamenti antiparassitari. E’ dotata altresì di impianti di irrigazione a goccia.
Il candidato completi la descrizione aziendale con dati plausibili, individuando specie, cultivar allevato e quant’altro necessario, e provveda alla determinazione del bilancio annuo medio e quindi del costo richiesto. Esempio di svolgimento della prova.


SESSIONE D’ESAME 2002

I° PROVA SCRITTA
Scelta una specie arborea del gruppo delle Pomacee o delle Drupacee il candidato, dopo aver illustrato esaurientemente i caratteri della zona nella quale la coltura prescelta verrà praticata, illustri i criteri per l’impostazione della difesa integrata, descriva le modalità ed i momenti di intervento e sottolinei le fasi critiche delle operazioni in dipendenza della biologia delle cultivar e delle condizioni ambientali.

II° PROVA SCRITTA
Una azienda sita in pianura ed estesa per 12 ha produce su una metà della superficie coltivabile mais da granella e sulla rimanente porzione colture foraggere a ciclo annuale. L’azienda è dotata di fabbricati adeguati, di un buon livello di meccanizzazione, di impianto di irrigazione ed ali mobili ed è condotta dal proprietario direttamente.
Il candidato, ipotizzando liberamente ogni altro elemento necessario a meglio specificare i caratteri aziendali, imposti una contabilità cronologica riportando, attraverso le dovute registrazioni, qualsiasi fatto avente incidenza economico-contabile.
Proceda poi, al termine dell’esercizio produttivo, alle registrazioni di chiusura ed illustri, con un breve commento, i risultati rilevati.


SESSIONE D’ESAME 2001

I° PROVA SCRITTA
In una zona agricola perilacustre, con terreni leggermente declivi verso lo specchio d’acqua, esistono impianti frutticoli arborei ed arbustivi in grado di fornire prodotti di qualità.
L’esame delle acque del lago mostra presenza di sostanze inquinanti d’origine agricola tendente lentamente a modificare la situazione ecologica esistente.
Il candidato, ipotizzando con descrizione analitica gli aspetti ambientali più significativi, illustri i principi e le tecniche per definire interventi annuali di concimazione che avvantaggino le colture senza influenzare la già precaria situazione ecologica.

II° PROVA SCRITTA
Un proprietario imprenditore conduce un’azienda ortofrutticola estesa per 12 ettari, sita in pianura, dotata d’impianto di irrigazione capace di soddisfare il 65% delle necessità idriche aziendali.
Il candidato ipotizzi un ordinamento aziendale con descrizione analitica delle relative caratteristiche e delinei un esercizio produttivo.
Rediga, quindi, un bilancio preventivo illustrando specificatamente i tributi cui l’azienda è assoggettata nonché le procedure per l’utilizzazione della manodopera avventizia che copre il 40% delle necessità lavorative totali.


SESSIONE D’ESAME 2000

I° PROVA SCRITTA
Il candidato, individuata una specie arborea a piacere, descriva e commenti le strategie di lotta biologica e/o guidata attuabili per ottenere frutta a basso residuo di prodotti chimici.

II° PROVA SCRITTA
Il candidato, con riferimento ad un’azienda olivicola, in zona collinare, di media estensione, a buon indice di meccanizzazione, dopo aver descritto le caratteristiche tecniche ed organizzative rediga il conto colturale di un ettaro di oliveto in fase di piena produzione.


SESSIONE D’ESAME 1999

I° PROVA SCRITTA
Il candidato, dopo avere assunto verosimili dati tecnici, definisca il piano di concimazione e le modalità di distribuzione in campo dei concimi per una coltura erbacea di pieno campo, a sua scelta, nel rispetto delle falde acquifere.

II° PROVA SCRITTA
Il candidato descriva i criteri per la valutazione di convenienza per la trasformazione del latte in formaggio e/o dell’uva in vino.
Sabato, 06 Giugno 2009 19:20

Sede di Esame in Sicilia

Scritto da

L’elenco completo degli Istituti sede d’esame è indicato nell’Allegato A dell’Ordinanza ministeriale.

Nella Regione Sicilia la sede di Esame è:
I.I.S. "Balsamo"
Via G. Astorino, 56
90146 PALERMO (PA)
c/c postale n. 18772921
web: www.majoranapa.it

Nella domanda di ammissione il candidato deve indicare l’Istituto sede d'esame prescelto.

Le sedi d’esame (una per Regione), per essere attivate, debbono ospitare non meno di 25 e non più di 50 candidati; nel caso presso una sede d’esame non si raggiunga il numero minimo di candidati, questi saranno dirottati su altra sede d’esame vicina, sino alla concorrenza del numero minimo di 25 candidati.

 

Sabato, 06 Giugno 2009 20:07

Svolgimento delle Prove di Esame e Valutazioni

Scritto da
Il tempo assegnato ai candidati per lo svolgimento delle prove scritte o scritto-grafiche viene indicato nell’ordinanza ministeriale con la quale è annualmente indetta la relativa sessione d’esame.
I temi, unici per ciascuna prova, vengono inviati dal Ministero della pubblica istruzione.
La valutazione degli elaborati ha inizio il giorno feriale successivo al termine della seconda prova scritta o scritto-grafica e si effettua collegialmente. Di norma vengono valutati giornalmente non meno di 10 elaborati.
Per lo svolgimento delle prove orali vengono convocati giornalmente non meno di 5 candidati in almeno 4 sedute settimanali, esclusi i giorni festivi.
L’elenco e le votazioni dei candidati ammessi a sostenere le prove orali ed il calendario relativo alle prove stesse vengono notificati, entro il giorno successivo al termine della correzione degli elaborati, mediante affissione all’albo dell’istituto sede degli esami.
Le prove orali sono pubbliche ed hanno inizio non oltre il quindicesimo giorno dall’affissione dell’elenco di cui al comma precedente.
Non sono consentite prove suppletive e pertanto i candidati che risultino per qualsiasi motivo assenti anche ad una sola delle prove scritte o scritto-grafiche sono esclusi dalla relativa sessione di esami.
I candidati che, per comprovati e documentati motivi sottoposti tempestivamente alla valutazione discre¬zionale e definitiva della commissione esaminatrice, non siano in grado di sostenere la prova orale nel giorno stabilito possono dalla commissione stessa riconvocati in altra data.
La convocazione degli anzidetti candidati deve avvenire, di norma, nei giorni già stabiliti in calendario. Al riguardo la commissione può eccezionalmente fissare -tenendo presenti sia le esigenze prospettate dagli interessati, sia la necessità di una conclusione in tempi ragionevoli del procedimento- eventuali sedute supplementari.

VALUTAZIONI DELLE PROVE DI ESAME
La valutazione delle prove viene effettuata dalla commissione esaminatrice sulla base di un massimo complessivo di 100 punti, dei quali 20 sono assegnati a ciascuna delle prove scritte o scritto-grafiche e 60 alla prova orale.
Sono ammessi a sostenere la prova orale i candidati che conseguono una valutazione di almeno 12/20 in ciascuna delle prove scritte o scritto-grafiche.
L’abilitazione all’esercizio della libera professione è conseguita solo da parte dei candidati ammessi a sostenere la prova orale, che riportino in tale prova una valutazione di almeno 36/60.
La votazione complessiva attribuita ai candidati che conseguono l’abilitazione all’esercizio della libera professione di Agrotecnico è costituita dalla somma delle votazioni ottenute nelle prove scritte o scritto-grafiche e nella prova orale, ed espressa in centesimi.

(vedi Artt. 10 e 11, Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione del 6 marzo 1997, n. 176)
Sabato, 06 Giugno 2009 20:34

Programma di Esame

Scritto da
Gli esami consistono in due prove scritte o scritto-grafiche ed in una prova orale.
La prima prova scritta verterà su questioni di tecnica della produzione, sia vegetale che animale, o di trasformazione dei prodotti.
Potranno essere richiesti: l’illustrazione di criteri di scelta di ordinamenti, di tecniche colturali, di sistemi di allevamento, di miglioramento genetico, di interventi fitoiatrici, di processi di trasformazione, nonché la comparazione di possibili alternative nell’ottica della ottimizzazione dei processi o degli interventi, il tutto in relazione ai rapporti con il mercato ed agli indirizzi di politica agricola nazionale e comunitaria.
La seconda prova scritta o scritto-grafica riguarderà l’illustrazione e l’analisi di problemi relativi ai miglioramenti fondiari ed agrari ed ai connessi aspetti economici, oppure l’illustrazione e l’analisi delle funzioni amministrative e contabili delle aziende agrarie, ivi compresa la formazione del bilancio, il diritto tributario e quello del lavoro.
Durante le prove è consentita soltanto la consultazione di manuali tecnici e l’uso di strumenti di calcolo non programmabili e non stampanti.
Il colloquio verterà sui diversi aspetti delle competenze previste dal regolamento professionale.
Sarà richiesta, oltre la conoscenza degli aspetti tecnici riguardanti i diversi contenuti, l’illustrazione delle considerazioni economiche e degli aspetti normativi inerenti i problemi che saranno sottoposti all’analisi dei candidati.
Potranno inoltre essere discussi aspetti tecnici relativi alle pubblicazioni presentate.

(vedi Art. 18, Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione del 6 marzo 1997, n. 176)
Lunedì, 29 Giugno 2009 18:59

I.P.S.A.A. Convenzionati

Scritto da

Da qualche anno sono attive Convenzioni con Istituti Secondari Superiori di Agraria per il riconoscimento (ai sensi di quanto dispone il DPR n. 328/2001) dei tirocini professionalizzanti svolti nel percorso scolastico, ai fini del conseguimento del biennio di pratica professionale direttamente nel percorso di studio.

Queste Convenzioni riducono, talvolta sensibilmente, il periodo di tirocinio da svolgere dopo il conseguimento del diploma.

Qui di seguito si riporta l’elenco degli Istituti agrari operanti nella Regione Sicilia con i quali esistono Convenzioni ed il periodo di tirocinio che ciascun diplomato, proveniente da quegli Istituti, ha già svolto direttamente nel percorso di studi:

 

 ISTITUTO MESI RICONOSCIUTI
 Mussomeli
 21
 Giarre
 21
 Patti 21
 Bisacquino 21
 Castelbuono 21
 Castellana Sicula 21
 Palermo 21
 San Cipirello 21
 Modica 21

 

Si precisa che per i periodi convenzionalmente riconosciuti:

- pari a 24 mesi, il nulla-osta viene rilasciato direttamente dall’Istituto;

- inferiore a 24 mesi, il nulla-osta viene rilasciato dal Collegio degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati della Provincia di residenza del richiedente, sulla base di un attestato rilasciato dall’Istituto Agrario di provenienza.

Si ricorda, infine, che le Convenzioni sono valide non per tutti i soggetti che provengono dagli Istituti Agrari convenzionati, ma esclusivamente per coloro i quali, provenienti da quegli Istituti, abbiano svolto il percorso professionale c.d. “Terza Area” ed ottenuto il relativo attestato regionale (ovvero attestazione equivalente dell’Istituto).

__________________________
FONTE: CNA 2255 03/06/2009